1947
Ennio Flaiano


Ennio Flaiano
Tempo di uccidere
Longanesi


In un’Africa surreale e priva di ogni esotismo un tenente dell’esercito italiano vaga alla ricerca di un medico, guidato dal mal di denti. Si allontana dal campo, rimane solo, si perde. Hanno inizio così, per caso, le sue disavventure. Prima si convince di aver contratto la lebbra, poi fugge, certo di essere ricercato per tentato omicidio, infine si trasforma in ladro e maldestro attentatore, fino ad approdare alla capanna di Johannes, un luogo misterioso e arcano dove può iniziare a guarire. Nato da una conversazione con Leo Longanesi e vincitore del premio Strega nel 1947, Tempo di uccidere, unico romanzo scritto da Flaiano, è un’intensa allegoria della guerra, messa a nudo con ironica, spietata crudeltà.Ennio Flaiano (Pescara 1910- Roma 1972) è uno tra i più importanti ed eclettici rappresentanti della cultura italiana del Novecento. È stato critico cinematografico di varî periodici e, dal 1949 al1953, redattore capo del settimanale Il Mondo; critico teatrale de L’Europeo e collaboratore del Corriere della Sera. Tra i suoi libri di narrativa: Diario notturno (1956), Una e una notte(1959), Il gioco e il massacro (1970), Le ombre bianche (1972). Ha anche scritto per il teatro  (Un marziano a Roma e altre farse, 1971), e curato numerose sceneggiature cinematografiche tra cui quelle celebri per Federico Fellini.


Libri in concorso

  • Corrado Alvaro, L’età breve (Bompiani)
  • Carlo Bernari, Prologo alle tenebre (Mondadori)
  • Giuseppe Berto, Il cielo è rosso (Longanesi)
  • Libero Bigiaretti, Il villino (Garzanti)
  • Manlio Dazzi, Gelsomino (Garzanti)
  • Antonietta Drago, Furiosi amori dell’ottocento(Longanesi)
  • Ennio Flaiano, Tempo di uccidere (Longanesi)
  • Carlo Levi, Paura della libertà (Einaudi)
  • Virgilio Lilli, Gazzettino (Garzanti)
  • Gianna Manzini Forte come un leone (Mondadori)
  • Marino Moretti, I coniugi Allori (Mondadori)
  • Enrico Pea, Lisetta (Mondadori)
  • Alberto Savinio, Tutta la vita (Bompiani)
  • Lamberti Sorrentino, Isba e steppa (Mondadori)
  • Dino Terra, La pietra di David (Garzanti)
  • Gino Vicentini, Gli occhi indiscreti (Vallecchi)
  • Elio Vittorini, Il Sempione strizza l’occhio al Frejus(Bompiani)

Prima votazione
Casa Bellonci, 15 giugno

  • Flaiano 67
  • Bigiaretti 21
  • Alvaro 12
  • Manzini 8
  • Berto 7

Seconda votazione
Hotel de la Ville, 5 luglio

  • Flaiano 92
  • Bigiaretti 34
  • Manzini 9
  • Berto 7
  • Alvaro (ritirato)

Premio: lire 200.000
Votanti: 170