1998
Enzo Siciliano

FB_PS_1956_600px
Enzo Siciliano
I bei momenti
Mondadori


I bei momenti sono quelli vissuti da Mozart e da chi gli stava vicino nel periodo che va dal suo matrimonio con Costanze Weber alla morte, e che tutti coloro che gli sono sopravvissuti cercano di ricreare a distanza di molti anni. Il romanzo si svolge infatti nel 1829, quando due coniugi inglesi, i signori Novello, vanno a trovare la vedova e la cognata di Mozart per raccogliere informazioni utili a scriverne la biografia. E sono proprio queste due donne, Costanze e Aloisia, e il marito di lei, Joseph Lange, che ancora a più di trent’anni di distanza dalla morte di Mozart, continuano a mantenere in seno “la memoria di quel bene”. I protagonisti del romanzo sono sicuramente Mozart e la sua musica, visti nel momento di maggiore creatività, quando la qualità compositiva raggiunge il suo apice sconvolgendo per novità e invenzione le abitudini e i gusti del mondo musicale austriaco e non solo di quello.
Ma si parla anche della nostalgia che ciascuno ha della propria giovinezza, del periodo in cui tutto è possibile, ogni strada aperta, ogni difficoltà apparentemente superabile. E anche della nostalgia che molti potevano avere di quell’epoca, quella dell’Europa di fine Settecento, così diversa e distante dagli anni della Restaurazione, in cui è ambientato l’incontro con i Novello. Se i personaggi sono presi dalla realtà, molto di ciò che si incontra nelle pagine del romanzo è invenzione della fantasia anche quando prende le sembianze del documento e della testimonianza.

Enzo Siciliano (1934) nato e vissuto a Roma, amico di Alberto Moravia, Pier Paolo Pasolini, Elsa Morante, ha sempre partecipato attivamente alla vita letteraria della capitale. Critico d’arte e del costume, è condirettore di “Nuovi Argomenti” e collabora a “la Repubblica” e a “L’Espresso”. Tra le sue opere: La notte matrigna, (1975), La principessa e l’antiquario (1980),  Non entrare nel campo degli orfani (2002) e Il risveglio della bionda sirena (2004).


Libri in concorso

  • Giuseppe Bordi, Attentato in Parlamento (Serarcangeli)
  • Carlo D’Amicis, Il ferroviere e il golden gol (Transeuropa)
  • Stefano Marcelli, Il dio femmina stuprato nel bosco(Fazi)
  • Benito Mazzi, Nel sole zingaro (Interlinea)
  • Melania G. Mazzucco, La camera di Baltus (Baldini & Castoldi)
  • Raffaele Nigro, Adriatico (Giunti)
  • Rosangela Percoco, Portami sul palco a ballare(Rusconi)
  • Romana Petri, Alle Case Venie (Marsilio)
  • Ludovica Ripa di Meana, Marzio e Marta (Il Saggiatore)
  • Enzo Siciliano, I bei momenti (Mondadori)

Prima votazione
Casa Bellonci,11 giugno

  • Siciliano 84
  • Mazzucco 57
  • Nigro 55
  • Petri 40
  • Ripa di Meana 35

Seconda votazione
Villa Giulia, 2 luglio

  • Siciliano 136
  • Mazzucco 91
  • Nigro 74
  • Petri 22
  • Ripa di Meana 21

Premio: lire 10.000.000
Votanti: 400